indietro back
espandi
aggiungi al carrello
add to cart
   
Freya Mathews
Riabitare la realtà
verso un recupero della cultura
 
Il mondo non è materia inerte e noi non siamo gli architetti del Tutto; ognuno di noi è contenuto nel proprio luogo che è il viso familiare del cosmo intero. Se ci mettiamo in ascolto il mondo può aprire un dialogo con noi.

Il libro introduce ad una rivoluzionaria visione non-dualistica della realtà in contrasto con la nostra profonda solitudine esistenziale e la nostra povertà culturale tipiche della modernità, del capitalismo, del consumismo, della mercificazione, del progresso e dello sviluppo.

A differenza delle culture native che riconoscono ancora il singolo esistere in un flusso più grande di lui, la persona moderna è costretta inventarsi la vita in un monologo solitario, fatto di astrattezze anziché dell’abbraccio del mondo.

Oltre il tradizionale ambientalismo possiamo assumere un atteggiamento di amorevole cura e rispetto per la materia stessa del mondo che si rivela come fonte della cultura umana.

Accanto alla socializzazione del bambino con la madre occorre la cura del contatto profondo con l’universo che permetta di derivare il senso del proprio sé da una relazione primaria anche con il mondo non umano, tale da esprimere il suo impulso erotico – la cosiddetta gioia di vivere – con tutto il mondo, così’ come il mondo abbraccia ogni sua parte.

Freya Matthews sostiene che la crisi ambientale è un sintomo di problemi più profondi che incombono sulla civiltà moderna e che scaturiscono dalla perdita del vero significato di cultura. Per fare i conti con questa crisi c’è bisogno di un cambiamento nella premessa metafisica della modernità, più profonda di qualsiasi altra già concepita dal movimento radicale ecologista. Questo è un cambiamento con profonde implicazioni per l’intera gamma di domande esistenziali e non soltanto per quelle che riguardano la nostra relazione con la “natura”; sostituendo la premessa materialistica della moderna civiltà con quella panpsichista si trasforma in modo profondo l’intera struttura della cultura.

L’autrice offre una prassi per la vita quotidiana. Il sé parla al suo luogo, il luogo è il suo rifugio, il suo santuario, ci comunica con la sua poesia. Il sé appartiene al luogo e ne è il suo indigeno. Allora potremo conoscere e riabitare la realtà. Perché “prima che io possa darti delle risposte, dovrai raffinare le tue domande. Guardiamo i segreti del cuore di chi chiede". 


isbn: 9788861180116
pagine: 335
formato: 15 x 21
lingua: Italiano
anno pubblicazione: 2013
euro 20.00
 
 titoli correlati
 
Ri-abitare nel grande flusso
Lato Selvatico N° 35
Ritorno al fuoco
Lato Selvatico N° 32
Bioregione
Selvatico e coltivato
Lato Selvatico N° 34
L'isola della tartaruga turtle island
Lato Selvatico N° 38
Per la terra
Bacini fluviali della mente
Lato Selvatico N° 31
Lato Selvatico N° 41
Lato Selvatico N° 33
Lato Selvatico N° 36
Lato Selvatico N° 37
Lato Selvatico N° 39
Lato Selvatico N° 40
Lato Selvatico N° 42
Lato Selvatico N° 43
Nel mondo poroso. Saggi e interviste su luogo, mente e wilderness
Lato Selvatico N° 44
Lato Selvatico N° 45
Lato Selvatico N° 46
Lato Selvatico N.°47
Lato Selvatico N° 48
Alza la posta! Saggi storici sul bioregionalismo
Lato selvatico n.° 49
Lato selvatico n.° 50
 
 recensioni
Hai letto questo libro? Scrivi la tua recensione.
 
  1 Euro  
  agr. Biodinamica  
  agr. Biologica  
  agricoltura  
  ANDROMEDA edizioni  
  annuari e marketing  
  bambini  
  casa e energie rinnovabili  
  cds - dvd - vhs  
  Centro Studi Assaggiatori  
  Civiltà Contadina  
  Corpo, mente, spirito  
  cucina  
  cucina naturale  
  equitazione  
  fumetti e grafica  
  giardinaggio  
  giochi e passatempi  
  Guide Naturalistiche  
  Itinerari e Percorsi  
  Le nez du vin  
  letteratura  
  Libri in lingua originale  
  Manualistica varia  
  musica  
  offerte speciali  
  Rarità - Rarity  
  Riviste  
  underground  
  Vini, bevande, distillati  
  Viticoltura ed Enologia  
  zootecnia, veterinaria, etologia